1 ottobre 2017

Da Ottobre Google Chrome segnalerà i siti non sicuri senza HTTPS

Google, leader mondiale nel settore dei motori di ricerca e dei browser web, da sempre ha a cuore la navigazione degli utenti, fornendo la migliore esperienza possibile; ciò si traduce nel garantire i più elevati standard di sicurezza al momento disponibili.

Per questo motivo è da gennaio 2017 che Google Chrome (seguito immediatamente da tutti gli altri produttori di software di navigazione Internet come Opera, Mozilla Firefox, Microsoft Internet Explorer ed Apple Safari) sta richiedendo ai siti web di dotarsi del certificato SSL (il famoso “lucchetto” che si vede in alto a sinistra, alias il protocollo HTTPS tramite il quale i dati vengono inviati in modo criptato).
Google ha iniziato con quei siti che trattano dati strettamente personali (banche, e-commerce, sistemi di pagamento online, etc…), per coinvolgere da oggi in poi tutti i siti web.

A partire da ottobre 2017, tutti i siti web che presentano sulle loro pagine dei “form” di raccolta dati (e.g. form contatti, form di ricerca, form di richiesta preventivi, etc…) dovrebbero adottare tale misura di sicurezza.

Chi non si adeguerà verrà penalizzato in quanto, entrando nel sito, il visitatore (potenziale cliente) leggerà che il sito non è sicuro.

Lisario Rinaldo | Consulente Informatico | Senior Software Developer | Senior Analyst | Project Manager