Google+

Mobilegeddon: Google cambia algoritmo favorendo i siti mobile-friendly

Google annuncia una novità importante: gli algoritmi di ricerca a breve verranno adattati per favorire il ranking dei siti ottimizzati per dispositivi mobile.

A partire da oggi Google introduce le modifiche dell’algoritmo che regola le risposte alle ricerche degli utenti favorendo i siti mobile friendly, ottimizzati per smartphone e tablet. La decisione del motore di ricerca è motivata dal fatto che oltre il 50% delle ricerche viene effettuato ormai da un dispositivo mobile, un dato che in occasione della stagione natalizia negli Stati Uniti ha superato anche il 60%.

Il presente e il futuro (prossimo) del web è mobile

La scelta di Google legata al “mobile friendly” è giustificata dal fatto che il mobile ha un ruolo sempre più importante nel mondo della navigazione web, e oltretutto la sua crescita non accenna a diminuire.

  • Nel dicembre 2014 ben 27,8 milioni di italiani hanno avuto accesso a internet da smartphone e 10,2 milioni da tablet
  • Nel 2014 si rileva il primato del mobile nella fruizione quotidiana di internet, con una media di 15,6 milioni di utenti online da dispositivi mobile (smartphone e tablet) contro i 12,7 milioni di utenti online da PC.
  • Da gennaio 2014 al dicembre 2014 l’utilizzo quotidiano di internet da dispositivi mobile ha avuto una crescita del 20%

Quali soluzioni?

Se avete intenzione di rendere il vostro sito “mobile friendly” le strade possibili sono principalmente due:

Design responsive

Si ha un unico sito per servire sia i dispositivi desktop che quelli mobile, quindi il codice html così come l’indirizzo di una pagina è lo stesso per qualsiasi dispositivo la visualizzi, salvo avere una visualizzazione diversa a seconda della dimensione del display.

Versione mobile del sito

Si ha un sito mobile distinto da quello desktop, quindi saranno diversi sia l’indirizzo delle pagine che il codice html delle stesse. Il sistema ridireziona alla versione corretta del sito in base al dispositivo utilizzato dall’utente.

Dal punto di vista tecnico si può scegliere una strada o l’altra a seconda delle necessità del sito, non c’è una soluzione che va considerata migliore a priori, ciascuna delle due presenta vantaggi e svantaggi; c’è però da dire che Google recentemente si è espressa a favore del design responsive.

I social network in Italia: i più utilizzati Facebook, Google Plus e Linkedin

Nonostante i ritardi rispetto al resto d’Europa sulla diffusione della banda larga, gli italiani usano sempre di più i social network. A metterlo in evidenza è un’analisi condotta dal team di Blogmeter per State of the Net, la due giorni di conversazione attorno alle trasformazioni e alle relazioni tra il mondo della Rete e la società. A farla da padrone è Facebook che in Italia ha 23 milioni di utenti mensili.

Rispetto al 2012 sono cresciuti tantissimo Google+ (+56,7%), Linkedin (+18,3%), ma anche piattaforme più giovani come Tumblr (+39,3%), recentemente acquisita da Yahoo!, e Pinterest (+119,8%). Guardando i numeri assoluti, però, Facebook con i suoi 23 milioni di utenti mensili è davvero il social network di massa e guarda dall’alto Google+ (3,8 milioni), Linkedin (3,5) e Twitter (3,3).

La Rete, però, non coincide con i social network. A collegarsi mensilmente alla Rete sono 29 milioni di italiani, 6 milioni in più degli utenti Facebook. Sul fronte della connessione in mobilità, inoltre, c’è una fetta di comunicazioni che sfugge ancora anche agli analisti.

Proprio sulle piattaforme mobili si sta concentrando chi si occupa di pubblicità e, per esempio, visti i trend di crescita già oggi «la versione mobile di Facebook contiene più inserzioni rispetto a quella desktop».

Lisario Rinaldo | Consulente Informatico | Senior Software Developer | Senior Analyst | Project Manager